Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@ federconsveneto.it ed i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisca il suo indirizzo email nello spazio sottostante i clicchi su Iscriviti. RiceverĂ  una mail di conferma per l'iscrizione; segua le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attivitĂ  di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualitĂ  di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede piĂą vicina (per conoscerla clicca qui).


Osservatorio carte di credito: piĂą pagamenti elettronici, ma importo annuo piĂą basso

Moneta elettronica: cresce a piccoli passi. In Italia aumentano infatti i pagamenti elettronici (più 5,4% nel 2013 rispetto all’anno precedente), ma diminuisce l’importo medio annuo (meno 5,1%: si attesta a 2176 euro). Da un lato ci sono segnali positivi, come la diffusione del contactless: sulla tecnologia si giocano gli sviluppi futuri del mercato. Dall’altro, gli italiani si confermano ancora un popolo appassionato di contante. I dati vengono dall’Osservatorio sulle carte di credito realizzato da Assofin, CRIF Decision Solutions e GfK Eurisko.
Quali i numeri? La ricerca evidenzia che anche nel 2013 è proseguito il costante trend di crescita della diffusione degli strumenti di pagamento alternativi al contante. Infatti, il numero dei pagamenti effettuati con strumenti diversi dal contante è cresciuto del 5.4% rispetto al +2.4% registrato nell’anno precedente. Questa dinamica non si è però riflessa sull’andamento del volume complessivo delle transazioni effettuate (che è risultato sostanzialmente stabile rispetto al 2012): l’importo medio annuo nel 2013 è dunque diminuito del 5.1%, passando a 2.176 euro dai 2.292 euro del 2012.
Aumentano le transazioni con le carte di credito anche se le carte in circolazione diminuiscono. Nel 2013, infatti, le carte di credito in circolazione continuano a diminuire (-3.2% rispetto al 2012), anche se il calo risulta più contenuto rispetto al -4.5% registrato l’anno precedente. Aumenta invece del 9,3% il numero delle transazioni effettuate: dopo il calo di oltre otto punti percentuali del 2012 si torna ai livelli del 2010, con una maggiore propensione degli italiani verso l’utilizzo delle carte di credito. Il valore medio delle transazioni fatte con carta di credito è di 87 euro (era 93 euro nel 2012 e 95 euro nel 2001). Spiegano dall’Osservatorio che “questa riduzione, unitamente a quella dell’importo medio delle transazioni su POS con carte di debito, mette in luce una maggiore predisposizione degli italiani, rispetto al passato, all’utilizzo della moneta elettronica anche per acquisti di importo più contenuto e conferma la maggiore oculatezza nei consumi in questi anni di crisi”.
Nel 2013 continua a crescere il numero di carte di debito in circolazione (+10.9% rispetto all’anno precedente). Aumenta, anche se in modo minore rispetto al passato, la diffusione delle carte prepagate, che cresce del 5,5% nel 2013 (mentre nel 2012 c’era stato un boom del 32,4%) e aumenta l’uso di tali carte: si registra infatti un più 30.9% del numero di transazioni e un più 19.8% del valore delle operazioni. L’importo medio delle transazioni è di 48 euro.
Relativamente al livello di rischiosità delle carte di credito, a maggio 2014 il tasso di sofferenza medio nazionale per le carte con utilizzo a saldo è risultato pari al 2.89%, in leggera crescita rispetto al 2.42% del 2013.

Mestre, 15 ottobre 2014