Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


Liberi Farmacisti criticano norma delisting

Il Movimento Nazionale Liberi Farmacisti contesta il recente delisting di farmaci operato dall’AIFA, ovvero il passaggio di farmaci con obbligo di ricetta a senza obbligo di ricetta: sono emerse diverse contraddizioni del sistema e un aumento dei costi dei farmaci sia per i cittadini che per il S.S.N. “Un’assurda norma, probabilmente frutto di accordi, stabilisce che qualsiasi switch, passaggio del farmaco dal regime di dispensazione con obbligo di ricetta a senza ricetta medica, automaticamente fa perdere la rimborsabilità alla specialità medicinale”.
I Liberi Farmacisti fanno l’esempio eclatante del pantoprazolo, un antiacido: se rimborsato dal S.S.N. ha l’obbligo della ricetta e un costo di 5/6 euro in meno di quello omologo che non ha l’obbligo di ricetta medica. (es. Pantecta 20 mg 14 compresse, RICETTA – DOSANLOC 20 mg 14 compresse SENZA RICETTA). Due farmaci, uno stesso principio attivo, lo stesso dosaggio e numero di compresse (14) che se rimborsati possono essere venduti solo con la ricetta medica, mentre se sono farmaci d’automedicazione (SOP) possono essere venduti senza ricetta, ma con un costo quasi doppio. Altra anomalia: nel recente delisting la gentamicina solfato in crema (0,1% – 30g – antibiotico per uso dermatologico) è passata a farmaco senza obbligo di ricetta medica (CICLOZINIL).
Perché accade questo? Secondo il MNLF questo accade perché non è l’AIFA a stabilire quale regime di dispensazione affidare in base alla concentrazione di quel principio attivo, ma l’azienda produttrice all’atto della registrazione. Dovrebbe essere l’Agenzia Italiana del Farmaco, sotto la direzione del Ministero della Salute, a regolare l’accesso ai farmaci e stabilire se un principio attivo ha o meno l’obbligo della ricetta. “Questo compito spesso e volentieri viene svolto dai produttori con elevati costi sia per il cittadino che per il Sistema Sanitario Nazionale” denuncia il MNLF.
Uno studio dello scorso anno, condotto dall’Osservatorio Farmaci del CERGAS Bocconi, ha ipotizzato un risparmio per il S.S.N. di 774 milioni di euro in valore (Prezzo al pubblico) se venisse operata una seria politica di switch dei farmaci. Il Movimento Nazionale Liberi Farmacisti e la Confederazione Unitaria delle Libere Parafarmacie Italiane chiedono al Ministero della Salute e al Governo di adottare i seguenti provvedimenti: cancellare l’automatismo per cui quando un farmaco cambia regime di dispensazione viene automaticamente escluso dal rimborso del S.S.N.; stabilire che sia l’AIFA e non le ditte produttrici a decidere se in base ad un dato principio attivo con una determinato dosaggio e forma farmaceutica, quel medicinale debba essere ceduto con o senza obbligo di prescrizione; introdurre il principio per cui se una specialità commercializzata in Italia è senza ricetta anche tutte le altre con uguale composizione automaticamente lo siano; guardare all’esperienza di altri Paesi Europei e ai regimi di dispensazione attuati nella maggioranza di essi.
Un maggiore esercizio del potere regolatore dell’AIFA permetterebbe alla stessa d’indicare ai farmacisti delle vere e proprie linee guida su ogni principio attivo contribuendo così ad una maggiore tutela della salute pubblica anche nell’automedicazione.

Mestre, 24/04/2014