Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL,, CIA Treviso, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


OPERAZIONE “SAFE SOCIAL”: 2.400 UTENTI TRUFFATI DA FALSI PROFILI INSTAGRAM

La promessa di capi griffati a prezzi contenuti, profili social con migliaia di follower e il ricorso a una piattaforma tra le più in voga: questi gli ingredienti dell’ultima truffa sventata dalla Polizia Postale, ad opera di un’associazione per delinquere con base nell’hinterland milanese.

Le vittime, per lo più giovani (1.600 adolescenti sui 2.400 utenti truffati), venivano contattate su Instagram e indotte al pagamento mediante ricariche di carte prepagate.

A fronte della mancata consegna della merce, i truffatori, con altri profili social, si rifacevano vivi per convincere i malcapitati ad effettuare nuovi pagamenti, adducendo giustificazioni pretestuose come impreviste spese di dogana o problemi fiscali.

L’attività criminale, iniziata nel 2018 e proseguita sino al 2020, ha cavalcato l’uso massivo della rete per lo shopping online, incrementato in occasione delle chiusure dei negozi fisici causate dall’emergenza Covid19, ed è arrivata a fruttare all’associazione per delinquere 250.000 euro, prima dell’intervento delle autorità, dal quale è scaturita la denuncia dei dodici responsabili, cinque dei quali sono stati sottoposti a custodia cautelare.

La Polizia Postale, dando comunicazione della riuscita dell'operazione, tiene a mettere in evidenza come anche i più giovani, generalmente esperti utilizzatori della rete, non siano esenti dal cadere vittima di truffe online, sottolineando come il fatto che siano stati, e siano nuovamente, in certa misura, costretti a trascorrere molte ore al giorno tra le mura domestiche, li abbia resi obiettivo ancor più vulnerabile rispetto alle attività criminose perpetrate tramite il web.

La sicurezza degli acquisti e delle transazioni online, anche a fronte della crescita rapida e costante dei servizi erogati esclusivamente in via telematica, è oggetto di due webinar che mettiamo a disposizione di chiunque sia interessato, all’interno dell’iniziativa Operazione Risorgimento Digitale promossa da TIM, in collaborazione con il Consorzio Netcomm, nei giorni 17 novembre alle ore 16:00 e 19 novembre alle ore 11:00: clicca qui per iscriverti gratuitamente.

Venezia, 11 novembre 2020