Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


Musica: Franceschini rassicura, voucher per lo stesso evento o rimborso


Le dichiarazioni rilasciate ieri dal ministro Franceschini in tema di concerti annullati hanno rassicurato molti cittadini che si erano rivolti a noi indignati dalla proposta di voucher per eventi alternativi da spendere entro l’anno.
“È evidente che la ratio della norma è che il voucher valga solo per un concerto dello stesso artista e che se questo non si terrà lo spettatore avrà diritto al rimborso. Il Parlamento credo potrà intervenire in conversione per togliere ogni dubbio interpretativo sulla norma''. – queste le parole del ministro dei Beni e delle attività culturali e del Turismo, interpellato dai giornalisti in merito alla protesta di Paul McCartney sul tema del rimborso dei voucher.
Un intervento invocato da tempo, che è giunto finalmente, dopo le affermazioni che Paul McCartney ha affidato ieri alla sua pagina Facebook.
Ora gli organizzatori, all’indomani del chiarimento del ministro, non hanno più alibi: devono procedere a rimborsare i cittadini al più presto.
Ci auguriamo che tale chiarimento avvenga al più presto in sede di conversione e che tale logica, come sosteniamo da sempre, venga applicata non solo agli eventi ed ai concerti, ma anche ai viaggi, come caldeggiato dall’UE.
Monitoreremo attentamente l’iter della legge di conversione e, in caso di ambiguità o incertezze, siamo pronti a proseguire la strada dell’iniziativa legale per tutelare i cittadini coinvolti fino a quando non otterranno il rimborso.

11/06/2020