Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Incentivi per la trasformazione e l'acquisto di autoveicoli a gpl e metano: consumatori danneggiati dall’entrata in vigore della legge 9 aprile 2009 n. 33 

L’emanazione della legge 33/2009, contrariamente da quanto prospettato, ha fortemente limitato buona parte dei benefici accordati poche settimane prima dal decreto legge 5/2009.
L'incentivo per la trasformazione a gas degli autoveicoli dal gennaio 2008 è stato esteso a tutti i mezzi, a prescindere dalla classificazione euro.
Le aziende del settore ed i cittadini avevano accolto con favore, quindi, l'innalzamento degli importi introdotto dal d.l. 5/2009 a partire dal 7 febbraio 2009: da € 350 a € 500 di contributo per la trasformazione a GPL e da € 500 a € 650 per quella a metano.
Tale provvedimento aveva fatto aumentare il trend delle trasformazioni a gas, a beneficio sia dell'ambiente che dell'economia nazionale
Dal 12 aprile invece, con l'entrata in vigore della legge 33/2009, lo scenario è stato sconvolto poiché dei contributi di € 500 e € 650 possono beneficiare solo i possessori di auto Euro 0, 1 e 2, mentre calano a € 350 e € 500 per le auto euro 3, 4 e 5.
Nonostante le Associazioni dei Consumatori, i settori del gas per autotrazione e dell'autoriparazione avessero segnalato in tempo, prima del passaggio al senato, il grave errore e fossero stati rassicurati da più soggetti istituzionali che nel testo del maxiemendamento governativo ci sarebbe stata la correzione che avrebbe ripristinato il dettato del d.l. 5/2009, il testo votato al senato non ha contenuto le modifiche necessarie.
A conferma dell'ammissione dell’errore fatto, il Governo ha accolto come raccomandazione un o.d.g. che lo impegna a provvedere alla modifica.
Ci auguriamo quindi che questo avvenga il prima possibile.