Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

PARTECIPA AL NOSTRO SONDAGGIO SULL'EDUCAZIONE FINANZIARIA

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


LA REGIONE DEL VENETO ABOLISCE IL SUPERTICKET PER I CITTADINI CON REDDITO INFERIORE A 29.000 EURO

La Regione del Veneto abolisce il superticket per i cittadini con reddito sotto i 29.000 euro.

Cos’è il “superticket”: introdotto nel 2011, si tratta di una tassa d’importo fisso oppure variabile, che deve essere pagata in aggiunta al normale ticket sanitario.

A differenza del ticket sanitario, il superticket non è sempre obbligatorio ma viene addebitato, per un ammontare che normalmente corrisponde a 10 euro, sulla base di quanto stabilito nelle diverse regioni:

  • Lo applicano in misura piena (10 euro): Abruzzo, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Puglia e Sicilia.
  • Lo applicano con un importo che aumenta all'aumentare del valore della ricetta: Campania, Lombardia e Piemonte.
  • Lo applicano con un importo variabile in base al reddito: Emilia Romagna, Toscana, Veneto, Umbria.
  • Non lo applicano neanche in misura minima: Val d’Aosta, Sardegna e provincia di Trento e di Bolzano.

Si tratta, in breve, dell’ennesimo balzello atto a consentire agli enti locali di reperire maggiori risorse per il finanziamento dei servizi sanitari.

In Veneto, a oggi, al pagamento sono soggetti tutti i cittadini con l’eccezione di:

  • Bambini;
  • Anziani che hanno redditi familiari inferiori a 36.150 euro l’anno;
  • Disoccupati;
  • Malati cronici o affetti da patologie gravi;
  • Pensionati al minimo e invalidi civili;
  • Invalidi per motivi di lavoro o servizio.

L’importo è ridotto a 5 euro per i non esenti con reddito inferiore a 29.000 euro.

Sarà quest’ultimo gruppo a beneficiare della riforma: la Giunta regionale del Veneto ha stabilito che, a partire dal 1 gennaio 2020, per tutti i cittadini con reddito sotto i 29mila euro il superticket sarà completamente abolito.

Federconsumatori da sempre approva i provvedimenti finalizzati a ridurre prelievi che gravano sui consumatori e sugli utenti e auspica che il superticket possa essere del tutto eliminato quanto prima.

 

Mestre, 10 luglio 2019