Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@ federconsveneto.it ed i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisca il suo indirizzo email nello spazio sottostante i clicchi su Iscriviti. Riceverà una mail di conferma per l'iscrizione; segua le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


FONDO RISTORO AZIONISTI: VERRANNO MANTENUTE LE PROMESSE?

A seguito dell'incontro del 28 novembre tra il nostro Presidente Nazionale Emilio Viafora e l'On. Villarosa, Sottosegretario al Ministero dell’Economia  Federconsumatori esprime soddisfazione per l’accoglimento delle proposte di modifica presentate al testo della Legge di Bilancio per l’anno 2019.

Facendosi portavoce delle numerose perplessità manifestate dai risparmiatori, Federconsumatori ha infatti presentato alcune proposte di sostanziale modifica all’assetto del Fondo, così come previsto dal DDL, che sono state accolte dal Sottosegretario.

Nel dettaglio si è deciso per:

1️⃣ lo spostamento al 30 settembre 2019 del termine ultimo per avviare le procedure (avanti all’ACF o al Giudice ordinario),

2️⃣ la possibilità di presentazione di ricorsi collettivi da parte delle Associazioni dei Consumatori,

3️⃣ la possibilità di presentazione di domande all’ACF semplificate,

4️⃣ la natura di mero acconto del ristoro del 30%,

5️⃣ la cumulabilità del ristoro del Fondo con altre forme di risarcimento e/o indennizzo,

6️⃣ l’ammissione a fronte di un giudizio di primo grado anche non passato in giudicato.

Decade inoltre, sempre dietro proposta di Federconsumatori, l’automatica rinuncia alle azioni giudiziarie in caso di accettazione del pagamento, norma questa che aveva suscitato vive perplessità per il rischio che così si riducesse l’interesse per l’esito dei procedimenti penali attualmente pendenti.

Anche per le operazioni di misselling prolungate, e per gli acquisti di titoli in epoca risalente e che non era stato possibile liquidare, generando il fenomeno degli “scavalcati”, l’impegno del Governo è per una loro inclusione esplicita fra i soggetti legittimati ad accedere al Fondo.

Buone notizie anche per gli obbligazionisti subordinati che avevano già aderito al FITD, ottenendo un ristoro forfettario pari all’80% del capitale e che vedranno ora un concreto impegno governativo per il riconoscimento di un ristoro pari ad un ulteriore 15%.

Da ultimo è stata affrontata anche la delicata situazione delle “baciate” ovvero gli acquisti di azioni a fronte di un finanziamento da parte della banca emittente stessa, che nel caso delle banche venete, vedrà il necessario coinvolgimento della L.C.A. e di Banca Intesa nell’individuazione di uno specifico percorso che limiti i danni per i risparmiatori coinvolti.

Federconsumatori attende ora che il sostanziale accordo raggiunto si concretizzi in una revisione del testo legislativo prima delle votazioni alle Camere.

 

29/11/2018