Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@ federconsveneto.it ed i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisca il suo indirizzo email nello spazio sottostante i clicchi su Iscriviti. Riceverà una mail di conferma per l'iscrizione; segua le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
“Siamo ciò che mangiamo” (Ludwig Feuerbach)

Attraverso l’alimentazione introduciamo centinaia di elementi che interferiscono con il nostro metabolismo: nutrirsi e respirare sono le funzioni essenziali alla vita.
Ma tra il ricercare una alimentazione corretta e il cercare attraverso essa di migliorare la “vita” la strada è molto lunga.
L’organismo umano ha bisogno di tutti i tipi di nutrienti per funzionare correttamente. Alcuni sono essenziali a sopperire il bisogno di energia, altri ad alimentare il continuo ricambio di cellule e altri elementi del corpo, altri a rendere possibili i processi fisiologici, altri ancora hanno funzioni protettive.
Per questa ragione l'alimentazione deve essere quanto più possibile varia ed equilibrata oltre che quantitativamente giusta in base al proprio tenore di vita.
Le aziende alimentari sono ben consce del fatto tutti noi vorremmo porre rimedio ai nostri malanni ed acciacchi attraverso il cibo e non mancano di cavalcare l’onda con la commercializzazione di prodotti sempre più elaborati, specifici e “salutari”.… ma sempre più cari.
Vi suggeriamo per esempio di osservare con attenzione gli alimenti che danno un’immagine di “salutistico” riportando l’indicazione “senza o a basso contenuto di…” o quelli che seguono le mode come, ad esempio, i prodotti definiti “vegani”; su questi prodotti la rivista francese “60 Millions de consommateurs” ha condotto un’importante analisi a chiusura della quale è stato confermato che per non cadere in falsi miti è sempre fondamentale leggere attentamente le etichette.
È risaputo che i prodotti senza glutine, essenziali per i celiaci, non sono invece raccomandati per chi vuole seguire un’alimentazione varia e corretta e sono da escludere per le persone sane per i motivi che andiamo ad illustrarvi:
- per ovviare alla mancanza del glutine, la proteina che dona ai prodotti a base di farina elasticità, morbidezza e fragranza, i produttori infatti devono utilizzare molti additivi addensanti ed emulsionanti
- per renderli appetibili, i prodotti senza glutine, hanno un tenore in proteine o fibre fino a due volte inferiore
- con un aumento di quantità di zucchero, sale e grassi presentano un indice glicemico elevato, tanto da renderli controindicati per i diabetici.
Lo stesso dicasi per i prodotti per vegani: il formaggio viene spesso sostituito da una miscela di amidi e oli vegetali, con stabilizzanti e aromi, per dare un sapore accettabile: possono quindi presentare squilibri da un punto di vista nutrizionale; in particolare, contengono frequentemente troppi zuccheri e poche proteine.
Ma allora perché sempre troppo spesso il personaggio famoso di turno o lo “scienziato” improvvisato si prestano a comunicare a gran voce, ripresi da molti organi d’informazione, che l’utilizzo di questi prodotti è indicato a tutti e rende belli e felici? Sarà forse perchè questi prodotti arrivano a costare anche più del doppio dei prodotti convenzionali?

Mestre, 11 ottobre 2018