Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@ federconsveneto.it ed i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisca il suo indirizzo email nello spazio sottostante i clicchi su Iscriviti. Riceverà una mail di conferma per l'iscrizione; segua le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


CALDO INSOPPORTABILE: UN BUON GELATO PER RISTORARSI

Nelle nostre città anche le più piccole non vi è piazza o via da passeggio che non abbia almeno una gelateria artigianale a cui rivolgersi per trovare refrigerio e appagamento.
I gelati possono essere artigianali e quindi prodotti con materie prime genuine e trasformati attraverso il sapiente lavoro del gelataio, oppure finti artigianali che nascono da basi industriali con l’aggiunta di acqua, latte e insaporitori ed in questo caso la sapiente maestria del gelataio conta nulla.
È chiaro che questi due sistemi di produzione hanno costi e impegno nettamente diversi, ma il consumatore è in grado di scegliere consapevolmente, andando quindi anche a premiare chi dedica a questo mestiere amore e tempo?
Purtroppo dobbiamo ammettere che la cosa è molto difficile, prima di tutto perché di artigiani del gelato ce ne sono veramente pochi, ma anche perché un prodotto artigianale ha una vita molto breve perché tende a “smontare”.
Oggi i gelatai utilizzano una base con emulsionanti e pectine chiamata “neutro” alla quale aggiungono le materie prime che ritengono più appropriate: la differenza tra un gelato ed un altro è data dalla scelta dei prodotti utilizzati che possono essere freschi e sani oppure surgelati/paste. Il problema è che alla vista è difficile distinguerli tra loro e solo al gusto è possibile coglierne le differenze: inutile dire che i gelati prodotti con ingredienti freschi sono i migliori.
I gelatai che si sono avventurati nel settore per facile business utilizzano semilavorati industriali a base di latte in polvere, zuccheri proteine, coloranti e aromi, in commercio suddivisi in basso, medio e alto dosaggio per facilitare la produzione: in questo caso al gelataio resta molto poco da fare, aggiunge un po’ d’acqua nel mantecatore e il gioco è fatto! (può capitare che qualche produttore, per pudore magari aggiunga piccole quantità di prodotti surgelati o paste). Si ottiene così un gelato che tenuto in frigorifero può essere consumato anche dopo tre-quattro giorni.
Alcuni consigli per i consumatori:
1. ️Prima di tutto nelle gelaterie dovrebbe essere esposta in bella vista e leggibile la lista degli ingredienti: se non la vedete evitate la gelateria, non fidatevi assolutamente dei cartelli che inneggiano al “senza” (senza coloranti, senza emulsionanti ecc.ecc.) perchè anche un buon gelato artigianale ha i suoi addensanti, coloranti, emulsionanti come uova, farina di carrube e frutta.

 2. Controllate la lista degli ingredienti: è vero che non siamo chimici e quindi è difficile giudicare e capire, ma una regola fondamentale è che più è lunga la lista degli ingredienti maggiori sono le probabilità che vengano utilizzati prodotti industriali.

3. Evitate le gelaterie che espongono vaschette con montagne di gelato con colori vivi e splendenti: il gelato vero ha bisogno di temperature basse e comunque nel tempo tende a smontare; se il gelato è prodotto con frutta fresca i colori della frutta saranno diluiti dagli altri componenti e a volte addirittura variati; tenetene conto che per mantenere bene un gelato si dovrebbe utilizzare il pozzetto o carapina.

4.  ️Evitate le gelaterie che hanno molti gusti, fare un buon gelato è faticoso e richiede molto tempo.

5.  Evitate le gelaterie che a fine giornata espongono quantità abbondanti di gelato, il gelato artigianale non si utilizza il giorno dopo.

6.  ️Se con un cucchiaino prendete un po’ di gelato e questo si scompone molto velocemente allora è un prodotto artigianale.

7.  ️Il buon gelato non deve produrre sensazione di sete. 

La forza del consumatore sta anche nella capacità di rinunciare alle schifezze.

 

Venezia, 08/08/2018