Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@ federconsveneto.it ed i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisca il suo indirizzo email nello spazio sottostante i clicchi su Iscriviti. Riceverà una mail di conferma per l'iscrizione; segua le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


FIBRA: NUOVE REGOLE AGCOM PER OFFERTE FINALMENTE TRASPARENTI

La delibera n. 292/18 del Consiglio dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni definisce le modalità con cui le imprese dovranno comunicare le caratteristiche del tipo di connessione offerta, a partire da quelle relative alle infrastrutture fisiche sulle quali sono forniti i servizi: specifici simboli aiuteranno il consumatore ad orientarsi.
Entrano in vigore le nuove regole che l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha predisposto a salvaguardia della piena trasparenza nella presentazione delle offerte relative alle nuove tecnologie a BANDAULTRALARGA.
Il provvedimento, pubblicato lo scorso 19 luglio, dedica particolare cura alla precisazione delle definizioni a cui gli operatori dovranno attenersi nei messaggi pubblicitari e nelle comunicazioni commerciali e contrattuali: in particolare, il termine fibra, senza ulteriori precisazioni tecniche, anche eventualmente accompagnato da superlativi o accrescitivi, potrà essere utilizzato SOLO QUANDO L’INFRASTRUTTURA SOTTOSTANTE È COSTITUITA ESCLUSIVAMENTE DA UNA RETE DI ACCESSO IN FIBRA: in altre parole, solo se l’infrastruttura è FTTH oppure FTTB, dunque composta da portanti trasmissivi in fibra ottica fino all’unità immobiliare dell’utente (FTTH = Fiber To The Home), oppure fino all’edificio (FTTB = Fiber To The Building).
La denominazione “fibra” dovrà invece essere necessariamente affiancata dalla dicitura “su rete mista rame” o “su rete mista radio”, laddove la fibra raggiunga soltanto gli snodi intermedi: la denominazione così composta dovrà essere presentata in termini di uguale leggibilità o udibilità.
INFINE, È FATTO ASSOLUTO DIVIETO DI UTILIZZARE IL TERMINE “FIBRA” SE L’INFRASTRUTTURA SOTTOSTANTE NON PREVEDE L’UTILIZZO DI FIBRA E NON ABILITA ALTRIMENTI LA FRUIZIONE DI SERVIZI A BANDA ULTRALARGA.
Il secondo punto su cui si concentra il provvedimento riguarda gli obblighi relativi alle informazioni di dettaglio che i clienti finali dovranno ricevere nell’ambito dei canali commerciali mirati.
Gli operatori sono tenuti a fornire UN’INFORMATIVA APPROFONDITA in cui la descrizione della specifica architettura di rete dev’essere accompagnata anche da quella del tipo di tecnologia impiegata; agli utenti dovrà essere assicurata la possibilità di verificare la velocità di navigazione e la latenza del servizio offerto in upload ed in download.
Molto significativa è infine la previsione di SPECIFICI SIMBOLI che dovranno integrare i messaggi pubblicitari e le comunicazioni commerciali al pubblico, allo scopo di rendere più semplice ed intuitiva la comprensione del tipo di infrastruttura utilizzato nei servizi offerti. L’innovazione, introdotta in via sperimentale fino al 31 dicembre 2018, si avvale di sigle e colori per restituire con immediatezza un’informazione altrimenti complessa: così, 
1.  ️una “F” in un simbolo verde indicherà un’infrastruttura con fibra fino all’unità immobiliare o all’edificio, 
2. la sigla “FR” in un simbolo giallo starà per un’infrastruttura mista rame o mista radio, con fibra fino ai nodi intermedi,
3. mentre tutte le altre infrastrutture, che non prevedono fibra nella rete di accesso e non abilitano altrimenti all’utilizzo di servizi a banda ultralarga, saranno contrassegnate con una “R” in campo rosso.
La delibera di AGCOM si pone a valle di una serie di numerosi provvedimenti sanzionatori che hanno evidenziato la diffusione di pratiche commerciali scorrette legate alla promozione dei servizi di connettività in fibra ottica: l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato è intervenuta a ripetizione contro pubblicità ed informazioni ingannevoli ed omissive. 
Ora si può sperare che la predisposizione di definizioni e regole chiare e valide per tutti riesca a porre in via preventiva un freno a questo tipo di condotte da tempo denunciate dalla nostra Associazione.

Venezia, 07/08/2018