Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@ federconsveneto.it ed i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisca il suo indirizzo email nello spazio sottostante i clicchi su Iscriviti. Riceverà una mail di conferma per l'iscrizione; segua le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
In aumento la vendita di ortofrutta confezionata: considerazioni

Dal primo gennaio, data dell’entrata in vigore della normativa sui sacchetti biodegradabili e le successive polemiche scatenate dai mass media, l’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare) ha rilevato un’impennata delle vendite della verdura preconfezionata.

Secondo l’ismea, nel primo trimestre dell’anno c’è stata una riduzione del 3,5% in volume e del 7,8% sull’intera spesa, per i prodotti ortofrutticoli sfusi con un incremento invece dell’11% in volume e del 6,5% sulla spesa per i prodotti ortofrutticoli confezionati.

Quindi minor consumo di ortofrutta in generale.

La cosa allarma Federconsumatori che da anni è impegnata nella campagna contro l’aumento, indiscriminato e ingiustificato, dei costi al dettaglio di frutta e verdura a solo vantaggio di grossisti e distribuzione.

Secondo i dati presentati da Ismea, siamo difronte ad una accelerazione di un processo di sostituzione da parte del consumatore: nel primo trimestre 2017 i prodotti ortofrutticoli confezionati rappresentavano il 29% del totale contro il 32% del primo trimestre 2018.

La cosa ci lascia quantomeno perplessi: la scelta del preconfezionato non ha nessun vantaggio per il consumatore in quanto comunque il costo di tali prodotti è del 43% superiore ai prodotti sfusi, oltre al fatto che l’impatto ambientale è nettamente superiore.

Neghiamo che questi dati siano da imputare al costo di 2-3 centesimi dei sacchetti per la verdura e pensiamo invece siano imputabili a scelte di mercato da parte di grande distribuzione e grossisti, che hanno guadagni di gran lunga superiori nella vendita di prodotti confezionati, con riduzione di spese di immagazzinamento e di gestione.

Auspichiamo che i mass media nel nostro paese si dedichino di più ai problemi che travagliano la nostra società, rispetto all’impatto del costo dei sacchetti per la verdura sulle famiglie italiane, se hanno bisogno di stimoli per le scelte dei temi da trattare Federconsumatori è a disposizione.

Mestre, 24 maggio 2018