Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Dal 1° marzo stop alle maxi fatture di luce, acqua e gas

La norma relativa ai maxiconguagli è finalmente passata: approvata dalla Camera, è entrata nella Legge di Bilancio e ha ricevuto il sì dal governo dopo due anni di discussioni. Dal primo marzo quindi sarà variato il termine di prescrizione per le forniture di energia elettrica, acqua e gas.

L’art 1.4 dell’ultima legge di bilancio prevede infatti che i fornitori perdano il diritto al corrispettivo una volta trascorso il termine di due anni.

Viene così ridotto di tre anni il periodo dopo il quale l’utente può contestare l’avvenuta prescrizione di un pagamento, prima fissato in 5 anni dalla scadenza dello stesso.

La novità costituisce dunque una misura di grande favore per gli utenti, i quali però devono essere avvertiti che per potersene avvalere dovranno attendere i tempi stabiliti dalla stessa legge di bilancio.

Nello specifico, al comma 10 dell’art.1 è stabilito che la nuova disciplina della prescrizione si applicherà alle fatture la cui scadenza è successiva al primo marzo del 2018 per il settore elettrico, al primo gennaio del 2019 per il settore del gas ed al primo gennaio del 2020 per il settore idrico.

Altra importante innovazione a vantaggio degli utenti è l’introduzione del diritto alla sospensione del pagamento nelle more della verifica della legittimità della condotta dell’operatore a fronte della notifica dei cosiddetti “maxi-conguagli”, previsto nella seconda parte dello stesso quarto comma dell’art.1.

Si tratta di conguagli riferiti a periodi maggiori di due anni, per i quali l’utente potrà vedersi riconosciuto il diritto alla sospensione del pagamento quando abbia presentato un reclamo nelle forme previste dall’Autorità di Regolazione per Energia, Reti ed Ambiente e l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato abbia aperto un procedimento per l’accertamento di violazioni relative alle modalità di rilevazione dei consumi, di esecuzione dei conguagli e di fatturazione adottata dall’operatore interessato.

Mestre, 6 febbraio 2018