Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@ federconsveneto.it ed i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisca il suo indirizzo email nello spazio sottostante i clicchi su Iscriviti. Riceverà una mail di conferma per l'iscrizione; segua le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 

Federconsumatori incontra Anci Veneto: in Veneto la Tari è corretta

In data 30 novembre 2017 la Presidente Federconsumatori Veneto Giovanna Capuzzo ha incontrato il Direttore di Anci Veneto Carlo Rapicavoli al fine di chiarire la questione dell’errata fatturazione della TARI (tassa sui rifiuti) /TARIP (tariffa puntuale) per le utenze domestiche del territorio della Regione del Veneto.

Durante l’incontro è emerso che ad oggi, in base alle verifiche effettuate e che sono quasi in fase di completamento, il problema balzato all’attenzione pubblica in quest’ultimo periodo circa la possibilità che nel calcolo della quota variabile venissero incluse le pertinenze delle abitazioni non riguarda alcun comune della nostra Regione.

Risulta infatti che i regolamenti dei Comuni interessati dalla verifica siano conformi a quanto previsto dalla legge 147/2013 e dal Dpr 158/1999 e pertanto, così come previsto dalle linee guida del Ministero dell'Economia e Finanze, le pertinenze delle utenze domestiche sono considerate solo ai fini del calcolo della quota fissa.

Nel frattempo, in attesa che si portino ad ultimazione le ricognizioni effettuate dall’Anci, invitiamo gli utenti a verificare le proprie fatture ed a segnalarci le irregolarità che dovessero rilevare: solamente accertata tale violazione sarà possibile per l’utente avanzare richiesta di rimborso.

Mestre, 1 dicembre 2017