Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
 TARI: applicazione delle quote variabili sulle pertinenze Federconsumatori chiede incontro urgente all’Anci 

Stiamo ricevendo molte richieste di supporto da parte dei cittadini in relazione alla questione della quota variabile Tari, che diversi Comuni hanno applicato illegittimamente anche alle pertinenze delle utenze domestiche.

Prima di tutto, per intervenire con prontezza e precisione, Federconsumatori ha inviato una richiesta di incontro urgente all’Anci Nazionale, al fine di avviare un confronto relativamente alle modalità di rimborso degli importi pagati e non dovuti.

Vorremmo evitare in ogni modo, infatti, che i comuni, per fare fronte a tele emergenza si trovassero a disporre possibili scenari di aumento nella tariffazione negli anni a venire.

Temiamo, infatti, che i comuni possano recuperare gli importi erogati per i rimborsi nella parte della tariffa commisurata alla superficie ed alla composizione del nucleo familiare, oppure attraverso una riduzione del servizio, o ancora operando sull’aumento della tassazione di altri servizi. In ogni caso, ciò andrebbe a danno del cittadino.

Ecco perché Federconsumatori:

  • Ha chiesto il blocco immediato dell’imposizione di tali voci nella TARI 2018.
  • Per chi non ha ancora pagato la II rata della TARI 2017, chiediamo una proroga nel pagamento, per dar modo alle aziende erogatrici del servizio di riformulare in modo corretto la tariffa.
  • Per chi, invece, ha già pagato e comunque per ottenere il rimborso di quanto pagato e non dovuto dal 2014, stiamo raccogliendo il mandato dei cittadini ad assisterli, qualunque sarà l’evoluzione della vicenda

Inoltre, per meglio regolare l’attività delle aziende dei rifiuti, chiediamo che l’Autorità per l’Energia sia al più presto pienamente operativa anche in questo settore.

Vi terremo informati sugli sviluppi della vicenda tramite i comunicati sul nostro sito www.federconsveneto.it e nelle prossime newsletter, inoltre per maggiori informazioni potete contattarci ed eventualmente fissare un appuntamento, ai nostri sportelli presenti su tutto il territorio della regione veneto.

Mestre, 17 novembre 2017