Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@ federconsveneto.it ed i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisca il suo indirizzo email nello spazio sottostante i clicchi su Iscriviti. Riceverà una mail di conferma per l'iscrizione; segua le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Popolare Vicenza: Zonin e sei dirigenti rinviati a giudizio per aver truffato i risparmiatori. A quando i rimborsi? Federconsumatori si costituirà parte civile per chiedere giustizia e risarcimenti adeguati.

I vertici di Banca Popolare di Vicenza sono stati rinviati a giudizio per aggiotaggio, ostacolo alle attività di vigilanza e falso in prospetto.

Così il PM: “gli indagati hanno diffuso notizie false e posto in essere operazioni simulate e altri artifici, concretamente idonei a provocare una sensibile alterazione del valore delle azioni Bpvi e a incidere in modo significativo sull’affidamento riposto dal pubblico sulla stabilità patrimoniale della banca.” Sotto accusa la prassi dei finanziamenti concessi ai clienti per la sottoscrizione delle azioni emesse dalla banca per un controvalore di 963 milioni di euro, fin qui l’autorità giudiziaria.

Ricordiamo inoltre che numerose autorità (Banca d’Italia, BCE, Consob, Antitrust) nei mesi scorsi hanno sanzionato le due banche venete per pratiche commerciali scorrette, riprofilature Mifid opportunistiche (in decine di migliaia di casi durante gli aumenti di capitale), operazioni “baciate”. Per questi motivi Federconsumatori, che si costituirà parte civile nei confronti degli amministratori indagati, ha richiesto a Governo e a Banca Intesa la costituzione di una commissione o di un collegio arbitrale che valuti, caso per caso, le truffe perpetrate ai danni dei risparmiatori e decida il risarcimento nei loro confronti.

In assenza di una risposta concreta organizzeremo manifestazioni nelle città più colpite dalla truffa e proseguiremo nelle azioni legali già intraprese.

Mestre, 4 ottobre 2017