Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Farmaci “orfani”

Sono chiamati così i farmaci impiegati per curare malattie rare, cioè che colpiscono piccole percentuali di popolazioni; per l’Unione Europea sono considerate rare le malattie che si presentano 5 casi ogni 10000 abitanti. Il numero di malattie rare conosciute e diagnosticate oscilla tra le 7 e 8 mila, in Italia si calcola che siano 2 milioni le persone affette da malattie rare e di queste il 70% sono in età pediatrica. Alcune di queste malattie possono avere esiti devastanti per i soggetti colpiti riducendone l’autonomia e conducendoli fino alla morte.

È scarso l’impegno da parte delle aziende farmaceutiche che in questo ambito fanno poca o nulla ricerca in quanto ritengono che gli sforzi e le spese rivolte alla ricerca non possano essere recuperati vista l’esiguità del mercato.

Riteniamo tuttavia che il diritto alla salute non debba essere dominato da questi problemi di mercato: non è possibile che una fetta consistente di popolazione rimanga esclusa dai progressi della scienza.

In questa ottica il 9 gennaio 2017 il Consiglio comunale di Firenze ha approvato una risoluzione per potenziare il ruolo dello stabilimento farmaceutico militare di Firenze nella ricerca e produzione di farmaci “orfani”.

Condividendo questa proposta Federconsumatori reputa comunque riduttivo confinare il lavoro dello stabilimento solo a questa mansione e ritiene che sia giusto invece ridare un ruolo di primo piano a questa storica struttura magari in un’ottica di rilancio della ricerca sanitaria nel nostro Paese totalmente abbandonata nelle mani di multinazionali che sfruttano gli stanziamenti solo ed esclusivamente per scopi di mercato.

Mestre, 20 gennaio 2017