Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Sanità: Biosimilari. Modificare le norme della legge di Bilancio e rimettere al primo posto le esigenze dei cittadini

Le norme sui farmaci biosimilari presenti nella Legge di bilancio vanno modificate tenendo conto delle osservazioni e dei dubbi dell’Antitrust. Non è possibile né tollerabile che, ancora una volta, a prevalere non siano gli interessi ed i benefici per i cittadini, bensì quelli per le big pharma. Federconsumatori ritienefondamentale tutelare prima di tutto la salute del paziente e garantire l’accesso a terapie con farmaci biosimilari, di pari efficacia e sicurezza rispetto a quelle più costose con i corrispondenti originator. È fondamentale, in tal senso, prevedere la possibilità di acquisto dei farmaci biosimilari per l’approvvigionamento del Servizio Sanitario Nazionale, nella prospettiva di mettere a disposizione dei medici e dei pazienti la più ampia disponibilità di terapie efficaci e innovative. È importante tenere conto che dal 2020 un numero rilevante di brevetti di farmaci biologici andrà in scadenza, secondo le stime della Direzione Generale dei Dispositivi Medici e del Servizio Farmaceutico del Ministro della Salute si potrebbero ottenere, grazie all'utilizzo di farmaci biosimilari, risparmi tra i 450 ed i 570 milioni di Euro. Importi che potrebbero essere investiti efficacemente per migliorare e potenziare il servizio sanitario pubblico. Nella legge di Bilancio, invece, si rischia di mettere fuori mercato i farmaci biosimilari, facendo sparire le gare e sostituendole con "accordi quadro" fatti con le aziende leader del biotech, per di più con "base d'asta" al prezzo massimo. Un sistema che è stato censurato dall'Antitrust, che ha sottolineato la necessità che “la disciplina di gara debba essere predisposta per incentivare il confronto sul minor prezzo” e, di conseguenza, l’offerta economicamente più vantaggiosa presentata dagli operatori idonei. Un'ulteriore minaccia alla trasparenza ed alla legalità proviene dal metodo di selezione che prevede che "le dinamiche di acquisto dipenderanno dalle decisioni dei singoli medici curanti". Un sistema sul quale si proiettano le gravi ombre del comparaggio. Una norma che rientra pienamente nel quadro di contrasto alla diffusione dei farmaci equivalenti, in atto da anni ad opera delle potenti lobbies farmaceutiche. È indispensabile rimettere in ordine le priorità, introducendo i principi e le necessarie linee guida per affermare il primato delle valutazioni cliniche e terapeutiche su quelle di mercato. 

Mestre, 28 novembre 2016