Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Tariffe: in dieci anni una crescita del 32,7%

Nell’ultimo decennio le tariffe sono aumentate mediamente del +32,7% a fronte di un inflazione nel medesimo periodo del 15,1 %. A dirlo è Federconsumatori nel suo annuale aggiornamento dell’andamento delle tariffe. L’associazione evidenzia come il costo dei servizi essenziali incida sempre di più sul bilancio delle famiglie italiane, a discapito di altre spese importanti come i consumi: “un peso sempre maggiore che, secondo le nostre elaborazioni su dati Istat, è aumentato del +38% rispetto 20 anni fa”. La crescita più marcata nel decennio 2006-2016 è stata quella delle tariffe dell’acqua +88,2%, dei rifiuti +52,8%, dei pedaggi autostradali e dei parcheggi +42,6%, dei trasporti ferroviari +48,3 %, dei servizi postali +40,9%, dei trasporti urbani +29,7%, dei taxi +26,6%, dell’energia elettrica +18%. Unico dato in controtendenza, che segna una diminuzione del -16%, è quello relativo alla telefonia (fissa e mobile).

Analizzando l’andamento delle tariffe in due periodi distinti, pre e post crisi, si evidenzia che nonostante il calo del potere d’acquisto delle famiglie, alcune tariffe (acqua, pedaggi e parcheggi, trasporti urbani e ferroviari e servizi postali) sono aumentate in maniera più pesante rispetto alla fase pre-crisi, contribuendo così al grave impoverimento delle famiglie.

Secondo Federconsumatori, l’aumento dei costi relativi a tali servizi può essere considerato tra le cause che hanno portato ad un grave aumento della morosità e delle richieste di sospensione delle forniture: 11,264 miliardi di euro nel 2014 è il credito che vantano le società di recupero credito per le bollette energetiche, acqua e telefonia. “Tassi di morosità che si attestano a 24 mesi al 4,5% delle utenze per le bollette dell’acqua, al 2,6% per le bollette del gas ed all’1,2% per quelle elettriche, in un contesto di forte crescita della povertà assoluta, che conta 4.598.000 cittadini italiani in forte disagio sociale quotidiano e 15.000.000 di cittadini che anch’essi si trovano in povertà relativa con valori che non sono mai sono stati così elevati da 10 anni a questa parte”.

Mestre, 23 settembre 2016