Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@ federconsveneto.it ed i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisca il suo indirizzo email nello spazio sottostante i clicchi su Iscriviti. Riceverà una mail di conferma per l'iscrizione; segua le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Strisce blu: Cassazione, multa con Ticket scaduto

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 16258 del 3 agosto 2016, ha stabilito che la sosta dell’auto sulle strisce blu oltre con ticket scaduto rappresenta un illecito amministrativo, recando un danno erariale per la Pubblica amministrazione.

Quindi non si tratta soltanto di un inadempimento dell’obbligazione contrattuale come sosteneva un automoblista di Chiavari che aveva sostato oltre il tempo stabilito negli spazi delimitati dalle strisce blu, con un ticket attestante il pagamento del corrispettivo soltanto per l’ora antecendente a quella dell’accertamento.

La Cassazione conferma  invece che si tratta di un'evasione tariffaria in violazione di un preciso articolo del codice della strada.

Quindi  la sentenza 16258  pronuncia  “In materia di sosta a pagamento su suolo pubblico, ove la sosta si protragga oltre l’orario per il quale è stata corrisposta la tariffa, si incorre in una violazione delle prescrizioni della sosta regolamentata, ai sensi dell’art. 7, comma 15, del codice della strada”. Ciò in quanto l’assoggettamento al pagamento della sosta rappresenta un atto che disciplina la sosta medesima, similmente alla sosta effettuata trascurando l’acquisto del ticket orario,  si tratta perciò di un’evasione tariffaria in violazione della disciplina della sosta a pagamento su suolo pubblico pertanto di un illecito amministrativo.

Mestre, 9 settembre 2016