Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@ federconsveneto.it ed i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisca il suo indirizzo email nello spazio sottostante i clicchi su Iscriviti. Riceverà una mail di conferma per l'iscrizione; segua le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Consumatore risarcito da PosteItaliane

La Corte d’Appello di Venezia, con sentenza n. 1481/2016 ha definito il diritto al risarcimento di un consumatore che si è rivolto a Federconsumatori a seguito delle riscontrate operazioni effettuate a sua insaputa a favore di terzi ignoti per una somma complessiva di € 14.540,00 avvenuta il 15 ottobre 2009 dal proprio conto corrente aperto presso una filiale di Poste Italiane della provincia di Venezia. A seguito della contestazione presentata a Poste Italiane il consumatore aveva ottenuto il riaccredito sul conto della somma di € 7.315,89 con la causale “storno on line disconosciuto” senza che però la controparte riconoscesse alcun addebito, ma anzi imputando il fatto alla negligenza del consumatore nell’uso del computer.

L’avv. Gianbattista Causin, membro della Consulta Giuridica di Federconsumatori di Venezia, con l'ausilio del consulente tecnico Ing. David Tanzer, ha quindi assistito il risparmiatore nei 2 gradi di giudizio, ottenendo in questi giorni l’accoglimento dell’appello presentato avverso la precedente sentenza n. 626/2012 del Tribunale di Venezia, che confermava la posizione della controparte, con conseguente condanna di Poste Italiane al pagamento delle somme richieste, oltre interessi e delle spese di lite relative ai due gradi di giudizio.

Si evidenzia l’importanza dei motivi della sentenza per i quali è risultato probabile che il sistema utilizzato all’epoca fosse obsoleto e vulnerabile, come le stesse Poste parevano esserne consapevoli, e per l’inefficienza/carenza dell’alerting che ha consentito la sottrazione.

“Non possiamo che ritenerci soddisfatti del risultato raggiunto a favore del nostro associato che, grazie alle fondate e corrette argomentazioni dell’Avv. Causin, ha visto finalmente soddisfatte le sue giuste richieste” dichiara Giovanna Capuzzo Presidente di Federconsumatori del Veneto “Fortunatamente nel corso degli anni gli istituti di credito che offrono il servizio di home banking hanno via via adeguato i propri sistemi di sicurezza rendendoli sempre meno soggetti ad utilizzi “impropri” ma non possiamo che auspicare che gli investimenti in tali direzioni continuino per permettere un aggiornamento dei software tale da garantire la migliore tutela dei risparmiatore”.

Mestre, 12 agosto 2016