Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@ federconsveneto.it ed i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisca il suo indirizzo email nello spazio sottostante i clicchi su Iscriviti. Riceverà una mail di conferma per l'iscrizione; segua le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Banche: Calenda del MISE dichiara che Consob ha commesso gravi errori

Il Ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, ha dichiarato che la Consob ha commesso dei gravi errori nel suo operato e che la giornalista Milena Gabanelli ha ragione. L’esternazione del Ministro si riferisce al fatto riportato dalla trasmissione televisiva “Report” che evidenziava come i vertici della commissione di vigilanza sulle operazioni di Borsa avessero deciso di eliminare dai prospetti informativi gli scenari probabilistici, ossia l’indicazione sintetica delle probabilità di guadagnare o perdere su un titolo. In questo modo, i risparmiatori della quattro banche fallite non sono stati messi nelle condizioni di conoscere i rischi che stavano correndo investendo in obbligazioni subordinanti..

Alla presentazione della relazione annuale della Consob, il presidente Vegas ha difeso sé stesso e la commissione dalle accuse di non aver vigilato sulla vendita di strumenti finanziari rischiosi a risparmiatori che non sapevano o non avrebbero potuto sapere che rischiavano di perdere tutto. “L’attività umana non è mai esente da rischi”, aveva dichiarato Vegas, “I poteri pubblici non possono eliminare ogni forma di rischio, ma devono renderlo ragionevole. Questo è il compito delle autorità di tutela del risparmio. Le donne e gli uomini che le guidano e vi lavorano possono, come ogni essere umano, commettere errori”.

Soddisfatta di apprendere che il Ministro Calenda abbia preso una posizione sul fatto anche Federconsumatori, sebbene non nasconda un certo rammarico sul ritardo dell’intervento. “Già dal 2013 noi denunciammo l’eliminazione di tali scenari, prezioso strumento che avrebbe consentito a tanti investitori di conoscere il reale rischio dei propri investimenti evitando tanti casi di risparmio tradito che hanno coinvolto decine di migliaia di risparmiatori (vedi Banca Etruria, Carife, Banca Marche e Carichieti, ecc.). Calenda, che da anni ricopre alti incarichi presso il Ministero dello Sviluppo Economico, avrebbe dovuto conoscere le denunce e le preoccupazioni manifestate dalle Associazioni dei Consumatori”.

L’associazione chiede quindi da un lato, il ripristino urgente degli scenari probabilistici come elemento obbligatorio nei prospetti forniti agli investitori e una forte semplificazione, e dall’altro ristabilimento di un’Autorità di Vigilanza veramente attenta ai bisogni ed ai diritti dei cittadini risparmiatori, affidando tale incarico a chi da anni si batte per la tutela del risparmio, per la trasparenza e la correttezza del sistema bancario-finanziario.

Mestre, 17 giugno 2016