Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Sanità: intramoenia è diventata scelta obbligata?

Si riaccende il dibattito sull’intramoenia: le dichiarazioni del Governatore della Regione Toscana Enrico Rossi, che ha proposto di abolirla, hanno toccato il nervo scoperto di chi da sempre si batte per i diritti dei malati. “Gli italiani si stanno abituando a considerare l’intramoenia e il privato come normali canali di accesso alle prestazioni di cui si ha bisogno, per sopperire ad inefficienze e squilibri del nostro Servizio Sanitario Nazionale, come liste di attesa mal governate, anche in oncologia, ticket persino più alti del costo della prestazione in privato

Federconsumatori ritiene necessario fare chiarezza sulle croniche carenze e ricorrenti inefficienze organizzative della sanità pubblica, che sono spesso causa di ritardi e compromessi che negano il diritto alla salute dei cittadini e accrescono disuguaglianze ed iniquità. A fronte di liste di attesa sempre più lunghe e inaccettabili, è giusto abolire l’intramoenia penalizzando tutti i cittadini?

Federconsumatori chiede al Presidente Rossi di motivare la sua proposta di abolire tale pratica. In particolare vorremmo sapere se è stata rilevata una contrazione delle prestazioni pubbliche tale da far pensare a forme di “dirottamento” verso l’attività privata. Se sì, Federconsumatori chiede che sia fornita e resa pubblica la serie storica dei volumi di entrambe le attività divise per specializzazioni. Non troviamo giusto che, a causa di alcuni abusi, venga soppressa la possibilità, per tutti, di effettuare visite intramoenia. Questa vicenda ci porta a chiedere, ancora una volta e con ancora più forza, di risolvere il problema delle liste di attesa interminabili e del costo dei ticket, veri e propri ostacoli all’accesso alle cure.

Chiediamo al Ministro Beatrice Lorenzin cosa stia facendo per garantire il pieno utilizzo dei servizi  pubblici e per garantire ai cittadini del nostro Paese la promozione, il mantenimento e il recupero  del necessario stato di salute.

Mestre, 25 marzo 2016