Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 Interruzione volontaria della gravidanza. Multe fino a 10 mila Euro per le donne costrette all'aborto "clandestino"

Troviamo sconcertante quanto recentemente previsto dal Decreto depenalizzazioni.

Riteniamo gravissimo colpire con sanzioni punitive le donne che  hanno visto negati i diritti riconosciuti e  minacciate le conquiste di libertà e dignità.  

L'obiezione di coscienza, le liste di attesa, le strutture sanitarie che negano la possibilità di accedere: sono tutti elementi che spesso hanno costretto molte donne a fare ricorso ad aborti "clandestini".

Pratiche che vanno certamente contrastate, perché spesso non sicure. Ma il miglior modo per evitare il ricorso a tali fenomeni è garantire la piena applicazione della legge 194, sanzionando e punendo chi impedisce l'accesso ad un diritto riconosciuto.

Federconsumatori chiede maggiori controlli sulla piena applicazione della legge 194 nelle strutture  sanitarie del nostro Paese, affinché siano messe in condizione di garantire l'interruzione volontaria di gravidanza in piena sicurezza.

Purtroppo in Italia ci scontriamo ancora con disinformazione e pratiche retrograde, come recentemente dimostrato da una recente ricerca, che ha dimostrato come, nelle farmacie, venga ancora richiesta la ricetta per la somministrazione della "pillola dei 5 giorni dopo", senza che sia affatto necessaria (per le donne maggiorenni).

Per dare forza alle libertà e ai diritti conquistati dalle donne chiediamo al Governo di:

-  abbandonare  logiche colpevolizzanti e interventi punitivi;

-  monitorare il fenomeno con particolare attenzione ad adolescenti e giovani;

-  organizzare  campagne di informazione  su contraccezione e "sesso sicuro";

-  incoraggiare e garantire il più ampio accesso alla pillola del giorno dopo e dei cinque giorni dopo.  

Mestre, 18 febbraio 2016