Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Stretta sul fumo, in vigore le nuove norme

Per i circa 11 milioni di fumatori italiani, a partire dal 2 febbraio entrano in vigore diverse novità che da un lato ampliano il numero dei divieti e dall’altro introducono norme più stringenti per la vendita delle sigarette. Anche quelle elettroniche.

Immagini choc sui pacchetti di sigarette, divieto di fumo in auto in presenza di minori e donne incinte, multe fino a 300 euro per chi getta per terra mozziconi. Sono alcune tra le principali norme contro il fumo che entreranno progressivamente in vigore a partire dallo scorso martedì 2 febbraio, dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale il 18 gennaio scorso.

Fra le principali misure, cambieranno i pacchetti di sigarette e tabacco: verranno introdotte sulle confezioni di sigarette, tabacco da arrotolare e tabacco per pipa ad acqua delle avvertenze relative alla salute, con testo, fotografia a colori e numero del telefono verde contro il fumo (800.554.088). Le avvertenze occuperanno il 65% del fronte e del retro delle confezioni e dell’eventuale imballaggio esterno.

Sulle confezioni saranno vietati tutti gli elementi promozionali ed è «vietata la pubblicità di liquidi o ricariche per sigarette elettroniche contenenti nicotina che sia trasmessa all’interno di programmi rivolti ai minori e nei quindici minuti precedenti e successivi alla trasmissione degli stessi in televisione nella fascia oraria dalle 16 alle 19».

Le nuove norme introducono il divieto di fumare nelle auto, in sosta o in movimento, in presenza di minori e di donne in stato di gravidanza. Scatta lo stop al fumo anche in alcune aree all’aperto: pertinenze esterne delle strutture universitarie ospedaliere, presidi ospedalieri e IRCCS pediatrici e alle pertinenze esterne dei reparti di ginecologia e ostetricia, neonatologia e pediatria delle strutture universitarie ospedaliere e dei presidi ospedalieri e degli IRCCS. La sanzione prevista va dai 50 ai 500 euro.

Gettare i mozziconi a terra sarà vietato. Il ddl sulla green economy, nell’articolo 40 sui «rifiuti di prodotti da fumo e rifiuti di piccolissime dimensioni», prevede sanzioni da 60 a 300 euro per chi viene sorpreso a buttare cicche. I Comuni sono però obbligati dalla stessa legge a mettere a disposizione posacenere in strade, parchi e altri luoghi pubblici.

Scompariranno gradualmente dal commercio i pacchetti di sigarette da dieci e le confezioni di tabacco inferiori a 30 grammi. La legge inasprisce le sanzioni per la vendita di sigarette o tabacco ai minori. Già alla prima violazione è prevista la sospensione per quindici giorni della licenza e una sanzione amministrativa di 4 mila euro. Al secondo passo falso scatterà la revoca della licenza e multa di 8 mila euro.

Sarà vietato l’inserimento nel tabacco di additivi quali vitamine, caffeina o taurina, e aromi caratterizzanti come mentolo e vaniglia.

Mestre, 11 febbraio 2016