Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Anche Renault potrebbe essere coinvolta nello scandalo Dieselgate

Il dieselgate che ha coinvolto Volkswagen potrebbe non riguardare esclusivamente la casa automobilistica tedesca. Quella di usare software “truccati” per manipolare i dati sulle emissioni delle vetture potrebbe essere una pratica molto diffusa. Ora il sospetto bussa in casa Renault: la polizia antifrode ha perquisito alcuni stabilimenti ed acquisito computer del gruppo per capire se anche la società francese abbia manipolato i dati sulle emissioni dei motori. Crollo immediato del titolo in Borsa.

A diffondere la notizia è stato il sindacato Cgt del sito produttivo di Lardy, a sud di Parigi (tra gli stabilimenti perquisiti). Secondo le prime informazioni, l’ipotesi investigativa è che alcuni motori diesel Renault siano equipaggiati con un software che consente di eludere i controlli sulle emissioni, un sistema simile a quello usato da Volkswagen.

Renault aveva promesso di investire 50 milioni di euro per far sì che i livelli di emissione effettivi delle sue auto fossero in linea con quelli registrati durante i test.

Da parte sua la casa automobilistica francese ha confermato le perquisizioni, ma ha assicurato che tutti i test realizzati su richiesta del Ministro dell’ambiente Ségolène Royal non avevano evidenziato frodi.

Le nostre strutture, come per il caso della casa automobilistica tedesca, seguono con molta attenzione il caso predisponendo tutte le azioni necessarie alfine di tutelare i consumatori.

Mestre, 15 gennaio 2016