Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Energia, l’anno si apre con un calo delle bollette e risparmi per quasi 60 euro

L’anno si apre con un ribasso per le bollette dell’energia: in calo sia l’elettricità che il gas, per un risparmio stimato su base annuale in quasi 60 euro. Il dato viene dall’Autorità per l’energia, che nell’aggiornamento delle condizioni economiche di riferimento per famiglie e piccoli consumatori in tutela nel primo trimestre 2016 ha calcolato per una famiglia tipo (con consumi medi di energia elettrica di 2.700 kWh all’anno e una potenza impegnata di 3 kW e consumi di gas 1.400 metri cubi annui) un calo dell’1,2% per la bolletta dell’elettricità e una flessione del 3,3% per quella del gas, confermando così risparmi annuali di quasi 60 euro.

Secondo l’Autorità, per l’elettricità la spesa per la famiglia-tipo nell’anno scorrevole (1° aprile 2015- 31 marzo 2016) sarà di circa 505 euro, con un calo del -1,4% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1° aprile 2014 – 31 marzo 2015), corrispondente ad un risparmio di circa 7 euro. Per il gas la spesa della famiglia tipo per lo stesso periodo sarà di circa 1.093 euro, con una riduzione del -4,4%, corrispondente a un risparmio di circa 50 euro rispetto all’anno scorrevole. Il risparmio complessivo nei 12 mesi dell’anno scorrevole per elettricità e gas sarà quindi di 57 euro per famiglia tipo.

L’Autorità evidenzia poi che l’inizio dell’anno “si pone come crocevia di applicazione di diverse riforme dell’Autorità, dal nuovo periodo di regolazione elettrico alla nuova bolletta 2.0, dalla remunerazione più selettiva delle infrastrutture ai primi passi della roadmap dell’Autorità verso l’uscita dalle Tutele di prezzo”. In particolare, prosegue l’Autorità, “con la fatturazione dei primi consumi del nuovo anno per tutti è in arrivo anche la ‘bolletta 2.0’, più semplice e chiara: un solo foglio con tutti gli elementi essenziali di spesa e di fornitura ben evidenziati, con un format più snello, moderno e termini semplificati. Una novità che arriverà anche sui nostri computer-tablet-smartphone per chi la riceverà on line. E proprio per chi, ancora in Tutela, sceglierà di ricevere la bolletta in formato elettronico con addebito automatico sul proprio conto è stato previsto un ulteriore sconto di circa 6 euro all’anno, sia per l’elettricità che per il gas”.

Non sono però tutte rose e fiori. Come evidenziava nei giorni scorsi Il Test, col nuovo sistema tariffario delle bollette elettriche verrà meno la progressività e dunque chi consuma di più pagherà complessivamente di meno, mentre verrà penalizzato chi ha consumi più bassi: “Il nuovo sistema tariffario sulle bollette elettriche varato dall’Aeeg, Autorità per l’energia elettrica e il gas e che farà il suo debutto il 1° gennaio, determinerà rincari per una buona fetta di popolazione.  In sostanza, con l’entrata in vigore della cosiddetta “tariffa piatta” cesserà completamente di esistere la progressività, ovvero il maccanismo attuale in base al quale chi ha consumi più bassi paga, in proporzione, di meno. La tariffa piatta premia, invece, le famiglie che consumano più energia e penalizza i cittadini più attenti ai consumi”.

Mestre, 5 gennaio 2016