Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Alitalia, multa da Antitrust per limitazioni no-show rule

Maxi multa di 320mila euro ad Alitalia per la pratica commerciale scorretta del no-show rule, che prevede l’annullamento del biglietto di ritorno o del sequenziale in caso di mancata fruizione di una delle tratte di un biglietto a/r o con destinazioni multiple. Ad infliggere la sanzione è l’Antitrust che ha contestato anche l’informazione ai consumatori e la mancanza di una procedura di comunicazione dell’intenzione di fruire del trasporto successivo, pur non avendo usato il precedente.

L’Autorità ha infatti contenstato le modalità con cui Alitalia ha informato i consumatori dell’esistenza della no-show rule all’atto dell’acquisto e la mancata previsione di una specifica procedura con cui il consumatore potesse informare Alitalia CAI dell’intenzione di fruire del servizio di trasporto successivo, pur non avendo fruito del precedente, senza che ciò fosse giustificato da un’effettiva assenza di posti disponibili e senza che fosse previsto un rimborso per il servizio unilateralmente annullato che Alitalia CAI poteva riallocare offrendolo nuovamente sul mercato.

L’Antitrust aveva già segnalato più volte la pratica scorretta chiedendo ad Alitalia di interromperla. Ma la pratica è stata reiterata ed ora l’Autorità ne vieta l’ulteriore diffusione.

Mestre, 20 novembre 2015