Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@ federconsveneto.it ed i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisca il suo indirizzo email nello spazio sottostante i clicchi su Iscriviti. Riceverà una mail di conferma per l'iscrizione; segua le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


 
Banca Popolare di Vicenza: Federconsumatori avvia esposto alla magistratura nei confronti di Banca d'Italia e Consob

Pesanti accuse gravano sulla Banca Popolare di Vicenza, al centro delle inchieste della magistratura per aggiotaggio e ostacolo alla vigilanza.

Niente di nuovo all'orizzonte, l'ennesimo comportamento scorretto e vessatorio da parte di un istituto bancario, intento unicamente ad incrementare i propri utili e a mantenere i benefit del suo management, anche a costo di mettere a rischio i risparmi investiti dagli azionisti.

Ci preoccupa l'atteggiamento della banca, che di fatto induceva i propri clienti ad acquistare azioni in cambio della concessione di finanziamenti e ci chiediamo quale vigilanza vi sia stata da parte degli organismi preposti.

La Consob e la Banca d'Italia dov'erano mentre tutto questo accadeva? Mentre noi denunciavamo tali comportamenti e mentre la BCE interveniva chiedendo un accantonamento di un miliardo, alle due istituzioni non è mai venuto il sospetto che, nei bilanci dell'istituto, vi fosse qualcosa che non tornava?

Era veramente necessario arrivare a questo punto?

Recita la Relazione sulla gestione e sulle attività della Banca d'Italia: "In presenza di presupposti di legge (irregolarità amministrative, violazioni di normative e perdite patrimoniali gravi o di eccezionale gravità), la Banca d'Italia propone al MEF l'adozione delle procedure di amministrazione straordinaria e di liquidazione coatta amministrativa degli intermediari, ne nomina gli organi e ne indennizza e controlla l'andamento. L'amministrazione straordinaria, comportando lo scioglimento degli organi sociali dell'impresa e la nomina degli organi straordinari, rende possibile accertare la reale situazione aziendale, rimuovere le irregolarità riscontrate, prevenire comportamenti potenzialmente pericolosi e promuovere soluzioni utili nell'interesse dei depositanti."

Ora gli azionisti si ritrovano con ben 1,3 miliardi andati in fumo e con il rischio di un ulteriore taglio del valore delle azioni del 20-30%.

Per questi motivi, oltre a tutelare gli azionisti con le azioni più opportune nei confronti della Banca Popolare di Vicenza (abbiamo indetto, a tale proposito, un'assemblea il 3 ottobre a Vicenza e una il 12 ottobre a Udine), interverremo con un esposto alla magistratura affinché accerti le responsabilità anche di Consob e Banca d'Italia.

Mestre, 28 ottobre 2015