Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


Autonoleggio a lungo termine, Antitrust apre istruttoria su otto società

Intese restrittive della concorrenza: è l’ipotesi che ha portato l’Autorità Antitrust ad avviare un’istruttoria nei confronti di otto società di autonoleggio a lungo termine e della loro associazione Aniasa. Si tratta di Ald Automotive Italia, Alphabet Italia Fleet Management, Arval Service Lease Italia, Europcar Italia, Hertz Italiana, Lease Plan Italia, Maggiore Rent  e Win Rent. Nel 2014 il valore complessivo di questo mercato è stato di circa 5 miliardi di euro.

Spiega l’Antitrust: “L’istruttoria intende verificare se le imprese abbiano attuato un coordinamento delle rispettive strategie commerciali, attraverso uno scambio di informazioni sensibili. Si ipotizza anche un ruolo di coordinamento da parte dell’associazione di categoria Aniasa (Associazione nazionale industria dei servizi automobilistici e dell’autonoleggio)”. Per accertare tali circostanze, i funzionari dell’Antitrust hanno eseguito oggi una serie di ispezioni nelle sedi delle società interessate, con l’aiuto del Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza. Se le contestazioni fossero confermate ci sarebbe “un’alterazione delle dinamiche competitive fra le maggiori imprese nel mercato del noleggio a lungo termine in Italia – spiega l’Antitrust – Queste condotte potrebbero essere il risultato di un’intesa orizzontale, sotto forma di accordo o di pratica concordata, per evitare un corretto confronto concorrenziale tra i vari operatori”.

L’istruttoria dell’Antitrust è scaturita da una denuncia anonima arrivata all’Autorità dalla quale emergerebbe che gli operatori attivi nel mercato del noleggio a lungo termine (NLT) “avrebbero dato vita ad un’intesa volta a coordinare il proprio comportamento attraverso lo scambio di informazioni sensibili realizzato per il tramite e con il contributo dell’Aniasa”, si legge nel provvedimento dell’Autorità, che spiega come il segnalante “sembrerebbe essere una società che negli anni si è avvalsa – essenzialmente per ragioni di carattere fiscale – di formule di noleggio a lungo termine di veicoli commerciali”. Si tratta di contratti nei quali le società di noleggio, a fronte di un pagamento, mettono a disposizioni dei clienti per un lungo periodo (dai 24 mesi fino a 60 mesi) veicoli da loro scelti, ma che rimangono di proprietà della società di noleggio; ai clienti sono forniti servizi aggiuntivi quali la manutenzione e l’assistenza sul territorio nazionale, il pagamento dei bolli e dell’assicurazione e la gestione dei sinistri.

Spiega l’Antitrust in relazione alla denuncia: “Mentre in passato la società avrebbe riscontrato una certa competizione tra le società che offrivano servizi di NLT, di recente, sarebbe invece emerso un sostanziale allineamento tra le offerte delle società contattate non solo in materia di prezzi ma anche in merito alle altre condizioni contrattuali. In particolare, secondo il denunciante, l’uniformità avrebbe riguardato le condizioni commerciali per singola tipologia di autoveicolo (con variazioni del tutto insignificanti o con differenze compensate da altre previsioni che rendevano tutte le offerte sostanzialmente analoghe)”.

Scrive ancora l’Antitrust: “Il coordinamento delle rispettive condotte commerciali si sarebbe realizzato attraverso numerosi e regolari contatti tra le suddette imprese, anche con il contributo organizzativo dell’associazione di categoria Aniasa, durante i quali queste avrebbero reciprocamente scambiato dati ed informazioni sensibili, caratterizzate da un elevato livello di dettaglio (i.e.prezzi per categoria di veicolo e per tipologia di clientela)”. Da qui l’avvio dell’istruttoria.

Mestre, 13 agosto 2015