Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


Informazioni in caso di ondate di calore

L'organizzazione mondiale della sanità ha l'anciato l'allarme per l'ondata di calore che ha investito l'Europa e il resto del mondo dal 27 giugno. Problema delicatissimo se si considera che nel 2003 durante  l'estate in Europa ci sono stati 70.000 decessi in più rispetto il periodo 1998-2002.

Durante le ondate di calore è necessario tenere la propria abitazione fresca, controllare la temperatura tre volte al giorno tra le 8 e le 10, alle 13 e dopo le 22, mantenendo la temperatura sotto i 32 gradi di giorno e i 24 di notte. Questo sopratutto se sono presenti bambini, anziani e malati cronici.

Ecco alcuni utili accorgimenti:

  • Arieggiare le case di notte e al mattino presto e tenere chiusi finestre e imposte rivoti verso il sole, spegnere gli elettrodomestici e le luci.
  • Dove presente, accendere il condizionatore non a temperature troppo basse.
  • I ventilatori sono utili quando la temperatura è al disotto dei 35 gradi.
  • La notte cercare di utilizzare la stanza più fresca, usare lenzuola in fibbra naturale ed evitare i cuscini.
  • Se la casa è troppo calda e non è possibile rinfrescarla, passare alcune ore nei lughi pubblici refrigerati.
  • Non uscire nelle ore più calde, dalle 10 alle 18.
  • Evitare l'attività fisica se si è costretti, farla le ore più fresche della giornata sono tra le 04 e le 07
  • Evitare di esporsi ai raggi diretti del sole (sopratutto i bambini e gli animali).
  • Mantienere il corpo fresco e idratato, bere 2,5 litri di acqua al giorno, un bicchiere ogni 20 minuti, fare docce o bagni frequenti, o usare asciugamani bagnati.
  • I vestiti devono essere in tessuti naturli, meglio lino, e larghi. All'aperto usare cappelli a falde larghe o berretti con frontino e occhiali da sole.
  • Evitare zuccheri (compresi pane e pasta e bibite gassate) caffeina e proteine; i pasti devono essere non abbondanti e ripetuti durante la giornata.
  • Le persone anziane o ammalate che vivono da sole devono essere visitate almeno una volta al giorno, non è sufficiente una telefonata.
  • Chi utilizza farmaci deve informarsi se questi influiscono sulla termoregolazione e sull'equilibrioidrico, inoltre i famaci vanno conservati in luoghi freschi sotto i 25 gradi, eventualmente porli in frigorifero (cassettodella verdura).
  • Se ci si sente deboli o ansiosi, assetati o in presenza di capogiri e mal di testa, andare in un luogo fresco,chiedere aiuto e misurarsi la temperatura.
  • Se si provano spasmi o dolori muscolari bisogna spostarsi in luogo fresco e bere soluzioni contenenti sali, se la situazione si protrae per più di un'ora rivolgersi al proprio medico, comunque se si è in presenza di sintomi strani rivolgersi al proprio medico.
  • Nel caso di persone prive di sensi attivare immediatamente il 118 nel frattempo stendere il paziente con le gambe sollevate, spogliarlo, applicare pezze refrigeranti sul collo, ascelle e inguine (interno delle cosce) spruzzare acqua a temperatura di 25-30 gradi, misurare la temperatura corporea e non somministre antiinfiammatori.
  • Coloro che gestiscono un luogo aperto al pubblico hanno l'obbligo di aiutare chi ha bisogno offrendo l'utilizzo di locali freschi

Mestre, 9 luglio 2015