Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


Lotta al dolore, Federconsumatori e ANT: la parola passa ai cittadini

Dopo la diffusione del “Vademecum sul dolore” parte la seconda fase della campagna nazionale di sensibilizzazione sulla lotta al dolore patrocinata dal Ministero della Salute: la parola passa infatti ai cittadini, che saranno chiamati a compilare un “Questionario del sul dolore” per permettere a istituzioni e classe medica di sapere quali sono le conoscenze diffuse sulla lotta al dolore e se i cittadini sanno a chi rivolgersi. La campagna è frutto dell’azione di Federconsumatori, Fondazione ANT Italia onlus e Impact Proactive ed è stata lanciata a febbraio.
Il dolore è un’emergenza sociale che tocca da vicino almeno un italiano su cinque: milioni di persone soffrono di dolore, ma meno della metà sa a chi rivolgersi, nonostante l’Italia abbia una legge all’avanguardia che riconosce l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Non soffrire è un diritto poco conosciuto ed è da questa consapevolezza che è scaturita la campagna sulla lotta al dolore.
Il “Vademecum sul dolore”, distribuito in decine di migliaia di copie attraverso gli sportelli di Federconsumatori e le Delegazioni di Fondazione ANT dislocate sul territorio nazionale, è andato presto esaurito ed è stato ristampato per poter rispondere alle richieste dei cittadini di tutta Italia.
Ora la campagna entra in una seconda fase che prevede il coinvolgimento dei cittadini: è stato infatti realizzato, spiegano i promotori, un “Questionario sul dolore” per permettere a istituzioni, classe medica e tutti gli altri operatori sanitari coinvolti di capire quali sono le conoscenze dei cittadini sul tema della lotta al dolore, qual è la percezione della propria esperienza, se sanno a chi rivolgersi, e quanto sono consapevoli dei propri diritti.
Il progetto intende aiutare i cittadini a riconoscere il dolore, conoscere i farmaci, informare sui i diritti garantiti dalla Legge 38/2010 e per sapere a chi rivolgersi. Il dolore rappresenta infatti una vera emergenza sociale: solo in Italia colpisce oltre 12 milioni di persone (alcune analisi stimano fino a 15 milioni), di cui ancora oggi meno della metà – appena il 40% – sa a chi rivolgersi, mentre solo il 32% è stato informato dal proprio medico, il 22% da amici e parenti e il 14% su Internet. Inoltre, solo il 35% sa che in Italia c’è una legge sul tema (fonte: Fondazione Isal). Dice il Professor Guido Fanelli, membro del Board di IMPACT proactive e Direttore Scientifico di Fondazione ANT Italia Onlus: “Il 26% degli italiani soffre di dolore cronico: non è accettabile che siano ancora così pochi i cittadini consapevoli dell’esistenza della Legge 38, nata per tutelare un diritto sancito dalla Costituzione e che è ancora lontano dall’essere applicato, da Bolzano a Pantelleria, in modo omogeneo e uniforme in tutto il paese”.
La campagna prosegue dunque su tutto il territorio: fino al 31 maggio nelle sedi di Federconsumatori e ANT, presso i banchetti promozionali allestiti nelle principali città italiane e durante i congressi locali di Federconsumatori i cittadini potranno ricevere e compilare il “Questionario sul dolore” disponibile in versione cartacea o online cliccando sul link http://www.impactproactive.it/questionariodolore, e potranno fornire le loro risposte anche dal computer di casa, dal tablet o dallo smartphone. I risultati saranno condivisi con la classe medica, le associazioni scientifiche e le istituzioni nel corso di un Workshop promosso da IMPACT proactive a Firenze a giugno.

Mestre, 17 aprile 2015