Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@ federconsveneto.it ed i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisca il suo indirizzo email nello spazio sottostante i clicchi su Iscriviti. Riceverà una mail di conferma per l'iscrizione; segua le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


Uber, la battaglia si sposta a Bruxelles: servizi o trasporti?

Tassisti contro Uber? La questione è ben più complessa di una semplice opposizione tra operatori dello stesso servizio. Il vero conflitto si sta creando tra Uber e i Governi europei, spostando il punto dalle regole di concorrenza a quelle fiscali. La palla passa alla Commissione Europea che dovrà decidere se pendere più verso la libera concorrenza, base del mercato unico, o la regolamentazione di un servizio. Il nodo è proprio questo: cos’è Uber? Una società di servizi o trasporti?
Lo scontro, ormai noto, è sul piano della concorrenza: i tassisti accusano la società americana di fare concorrenza sleale, non avendo chiesto alcuna autorizzazione e non rispettando nessuno standard di sicurezza, mentre secondo Uber sono i titolari di auto bianche ad ostacolare la libera concorrenza, chiudendosi nella mera difesa di categoria.
La novità è un’altra: bisognerà chiarire, prima o poi, qual è la natura di questi nuovi operatori che offrono servizi tramite Internet. A sciogliere il nodo, probabilmente, sarà la Commissione Europea. Per ora alcuni Stati, come Germania, Francia e Spagna, hanno bloccato il servizio. E Uber li ha denunciati alla Commissione Europea. La società americana nei suoi ricorsi cerca di puntare sulla libertà di concorrenza, sapendo che questa è alla base del mercato unico europeo e, di conseguenza, la Commissione Europea non può esprimersi contro. Inoltre sostiene di non essere “direttamente responsabile” del trasporto delle persone, ma di agire solo come “intermediario elettronico che offre un servizio sociale che mette in contatto le persone che vogliono condividere le loro auto”. Se così fosse, dovrebbe essere trattata come i siti che vendono biglietti aerei o ferroviari. E qui la questione si allargherebbe anche a tutte quelle piattaforme che operano in modo simile. Insomma, sarà solo un problema di commercio elettronico o Uber deve essere considerata una società di trasporti e, per questo, responsabile della sicurezza delle persone? Per ora i ricorsi arrivati alla Commissione europea sono stati assegnati alla Direzione generale dei Trasporti.

Mestre, 10 aprile 2015