Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


Treni in ritardo, d’ora in poi indennizzo per tutti

Grazie al provvedimento pubblicato ieri dall’Antitrust i passeggeri di Trenitalia potranno stare più tranquilli: se il treno arriva in ritardo, qualunque sia la causa, saranno indennizzati. “Trenitalia non ha mai riconosciuto il diritto all’indennizzo in caso di mancata coincidenza tra un treno regionale e uno della media e lunga percorrenza. Il passeggero poteva arrivare a destinazione anche con 3 ore di ritardo, ma non aveva diritto all’indennizzo garantito dal Regolamento Europeo 1371/2007 (25% per ritardi superiori ai 60, e 50% per ritardi superiori ai 119).
“Dopo la sentenza dell’Antitrust il ritardo deve essere indennizzato qualunque sia la causa. A maggior ragione in caso di mancata coincidenza. Da oggi Trenitalia non può invocare nessuna ragione per non indennizzare i viaggiatori che arrivano in ritardo a destinazione. Inoltre per compensare i cittadini dei danni subiti negli anni dal comportamento scorretto di Trenitalia, l’indennizzo in caso di ritardo scatterà non più dopo un ora, ma dopo 30 minuti. Per i viaggiatori in arrivo nei grandi nodi (Roma, Milano, Bologna) il diritto all’indennizzo scatterà 3 minuti prima.
E sempre l’Antitrust ha multato Trenitalia per un milione di euro in merito al sistema di accertamento e repressione delle irregolarità di viaggio: l’azienda ha considerato finora ogni irregolarità come “mancanza di biglietto” ed ha applicato sanzioni fino a 200 euro anche nei casi in cui il viaggiatore era nell’impossibilità di acquistare il biglietto (per cause di forza maggiore oppure addirittura per disservizi imputabili alla stessa Trenitalia).
“Trenitalia non solo dovrà sottostare ad un sanzione di 1 milioni di euro, ma è obbligata dall’Authority ad una campagna di comunicazione per informare i cittadini dei nuovi diritti di cui sono titolari. Federconsumatori esprime soddisfazione per aver finalmente bloccato comportamenti irregolari di Trenitalia, che denunciavamo da anni: comportamenti spesso immorali e ancora più spesso dannosi per i cittadini”.

Mestre, 19 novembre 2014